Fabbricati rurali Nota della Commissione catasto del Collegio

La Commissione Catasto del Collegio fa chiarezza sulla prossima scadenza per i fabbricati rurali, fornendo documentazione utile per gli adempimenti  

DOCUMENTAZIONE UTILE 
AdE Nota n. 213606 del 10/10/2017

Segnalazione fabbricati rurali
Comunicazione affidamento incarico 
Schema di Flusso per la gestione degli immobili iscritti al catasto terreni come fabbricati rurali o porzioni di essi

Si propongono quattro diverse situazioni nelle quali si può incorrere, nella gestione di una particella iscritta al Catasto Terreni come Fabbricato Rurale.

Caso 1: immobile già censito al Catasto Fabbricati, non correttamente individuato nella Mappa catastale, con planimetrie agli atti dal 1968.
Caso 2: immobile non censito al Catasto Fabbricati e da non accatastare poiché compreso tra le situazioni prospettate dall'art. 3 del D.M. n. 28/98.
Caso 3immobile non censito al Catasto Fabbricati, da iscrivere all'Urbano come Fabbricato Rurale destinato ad "Abitazione utilizzata dal conduttore del fondo".
Caso 4immobile non censito al Catasto Fabbricati, da iscrivere all'Urbano.

Le modalità per trasmettere la comunicazione di affidamento dell'incarico, per richiesta differimento invio degli Atti di contestazione (vedi Nota AdE Padova n. 111525/2017 e Nota DCCC e PI n. 213605/2017), sono nell'ordine:  consegna  a man, fax, raccomandata a/r, posta certificata

Direzione Provinciale di Padova via Turazza, n° 39 – 35128 – Padova

Telefono: 049.7811411 Fax: 049.7811486  Posta elettronica certificata: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Si torna a parlare dei Fabbricati Rurali: come mai?

Imminente la scadenza dei cinque anni solari dal 30 novembre 2012, termine ultimo per la dichiarazione al Catasto Fabbricati di tutti gli edifici che erano in possesso dei requisiti per essere considerati rurali e che sono, invece, ancora oggi allibrati al Catasto Terreni

L'Agenzia Entrate, entro la fine di quest'anno, può contestare ai proprietari di fabbricati ex rurali che non abbiano provveduto alla dichiarazione al catasto urbano il mancato adempimento e applicare le sanzioni previste per “tardiva dichiarazione”, la quale comporta una multa che varia da € 1032,00 a € 8264,00 per ogni unità immobiliare non accatastata.

Trascorso tale termine la prescrizione impedirebbe di applicare gli effetti sanzionatori, è chiaro tuttavia che ciò non accadrà!

Per scongiurare tale circostanza, sfavorevole all’Erario, l’Agenzia ha inviato agli interessati presenti in Anagrafe Tributaria un “Avviso bonario” (v. newsletter del Collegio Geometri Padova n. 38/2017), informandoli di aver riscontrato “fabbricati rurali, o loro porzioni, tuttora censiti nel Catasto Terreni, invece che in quello Edilizio Urbano”. La lettera proseguiva spiegando come comportarsi e le possibili sanzioni nelle quali si può incorrere per omessa dichiarazione.

Naturalmente il campanello d'allarme serve per attivarsi, spontaneamente e con sollecitudine, per regolarizzare le posizioni catastali di quegli immobili per i quali sia necessaria l'iscrizione all'Urbano, utilizzando l’istituto del “Ravvedimento Operoso” (ove possibile).

Il Ravvedimento, infatti, permette di sanare le situazioni sospese presentando la Denuncia Do.C.Fa. (preceduta dal relativo Tipo Mappale) con l’applicazione, oltre ai diritti catastali, delle sanzioni dovute, in misura ridotta (€. 172,00 per unità immobiliare più €. 0,67 per il Tipo Mappale, pari a 1/6 degli importi minimi, oltre agli interessi nel frattempo maturati), prima che sia notificata la contestazione dell’inadempimento con applicazione, invece, delle sanzioni previste senza alcuna riduzione, con l’addebito delle spese conseguenti alla surroga da parte dell’Ufficio per l’esecuzione delle operazioni topografico-catastali, che i titolari avrebbero potuto affidare ad un tecnico professionista di loro fiducia.

Si ricorda, infatti, che la notifica della contestazione da parte dell'Agenzia preclude al Contribuente/Titolare la possibilità di avvalersi del “Ravvedimento Operoso”.

L’avviso bonario può quindi essere inteso come una sorte di “atto di cortesia”, nei confronti del Contribuente, ma forse nasconde l’aspirazione, non tanto velata, di voler ridurre il più possibile l'entità delle situazioni per le quali si dovrebbe attivare la procedura in surroga, per l'accatastamento d’Ufficio, con un notevole aggravio delle sue incombenze.

Per le particelle catastali segnalate mediante l'invio dell'Avviso bonario che non rientrino nell'obbligo di accatastamento, è necessario segnalare, con l'apposito stampato allegato al medesimo,  la casistica nella quale si incorre.

Si sconsiglia di utilizzare il servizio di Contact Center per comunicare eventuali motivi di non obbligatorietà al censimento, considerati:
- i problemi di collegamento che spesso si presentano;

- la necessità che le operazioni siano concluse entro l’ultima settimana di ottobre.

Con la Nota del 10/10/2017 prot. n° 213605/2017 della Direzione Centrale Catasto, Cartografia e Pubblicità Immobiliare, l’Agenzia ha infatti reso noto agli Ordini e Collegi professionali che la notifica degli atti di contestazione è prevista a partire dalla fine del corrente mese di ottobre.

L’Ufficio ne differirà l’invio nei casi in cui, entro lo stesso termine, il Tecnico Incaricato segnali che l’atto di aggiornamento è in corso di predisposizione e verrà presentato entro e non oltre la metà del mese di novembre p.v.

Si ritiene che si possano individuare le seguenti casistiche:

  • fabbricato che possiede i requisiti per essere considerato Rurale;
  • fabbricato che ha perso i requisiti;
  • fabbricato collabente;
  • fabbricato totalmente demolito;
  • area - relitto di FR;
  • errori di vario genere.

Situazioni che possono essere ben catalogate e gestite attraverso l'analisi dello “Schema di flusso per la gestione degli immobili iscritti al Catasto Terreni come Fabbricati Rurali o porzione di essi” (VEDI DOCUMENTAZIONE UTILE).



Questo sito utilizza i cookies per rendere possibile il corretto funzionamento del sito web. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookies.