Logo Collegio Geometri Padova

Ti trovi qui:

Home > Archivio notizie

-

Primo piano

DECRETO SOSTEGNI TER DIVENTATO LEGGE

Attenzione: apre in una nuova finestra. Stampa

Convertito definitivamente in legge il Decreto Sostegni-ter con l'approvazione del 24 Marzo alla Camera. Diventano operative le strette sui bonus edilizi, le proroghe per la rigenerazione urbana, gli accordi quadro per la revisione dei prezzi e le procedure semplificate per la realizzazione di infrastrutture necessarie allo svolgimento di alcuni eventi sportivi.

 

DECRETO CESSAZIONE STATO DI EMERGENZA

Attenzione: apre in una nuova finestra. Stampa

Decreto-Legge 24 marzo 2022 n. 24 " G.U. N. 70 Disposizioni urgenti per il superamento delle misure di contrasto alla diffusione dell’epidemia da COVID-19, in

conseguenza della cessazione dello stato di emergenza".

Il 31 marzo cesserà lo stato di emergenza Covid-19.

Il percorso per il graduale ritorno all’ordinario prevede alcuni step

  • fine del sistema delle zone colorate
  • graduale superamento del green pass
  • eliminazione delle quarantene precauzionali

Dal 1° maggio il green pass sarà sostanzialmente archiviato. E saranno abolite anche le mascherine al chiuso, a meno di proroghe.

 

DECRETO CESSAZIONE STATO DI EMERGENZA

Attenzione: apre in una nuova finestra. Stampa

Decreto-Legge 24 marzo 2022 n. 24 " G.U. N. 70 Disposizioni urgenti per il superamento delle misure di contrasto alla diffusione dell’epidemia da COVID-19, in

conseguenza della cessazione dello stato di emergenza".

Il 31 marzo cesserà lo stato di emergenza Covid-19.

Il percorso per il graduale ritorno all’ordinario prevede alcuni step

  • fine del sistema delle zone colorate
  • graduale superamento del green pass
  • eliminazione delle quarantene precauzionali

Dal 1° maggio il green pass sarà sostanzialmente archiviato. E saranno abolite anche le mascherine al chiuso, a meno di proroghe.

 

BANCA DATI ABUSI EDILIZI: IN GAZZETTA IL DECRETO

Attenzione: apre in una nuova finestra. Stampa

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 60 del 12 marzo 2022 è stato pubblicato il Decreto del Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili 8 febbraio 2022 recante “Istituzione della Banca dati nazionale sull’abusivismo edilizio”.

Nella Banca dati nazionale sull’abusivismo edilizio saranno raccolte e rese disponibili le informazioni sugli immobili e le opere realizzate in violazione di legge. Saranno, quindi censiti i manufatti abusivi presenti sul territorio nazionale, con la possibilità, per le amministrazioni pubbliche competenti in materia di abusivismo edilizio, di consultare tutte le informazioni sui fabbricati. Il sistema consentirà di agevolare la programmazione e il monitoraggio degli interventi di demolizione delle opere abusive da parte dei Comuni. Non solo: le stesse amministrazioni e gli enti competenti in materia di abusivismo saranno tenuti ad alimentare la banca dati, a condividere e trasmettere le informazioni sugli illeciti accertati e sui conseguenti provvedimenti emessi.

Come si procederà

In una prima fase la banca dati sarà alimentata con le informazioni sugli immobili e le opere abusive oggetto delle segnalazioni effettuate dai Comuni. Successivamente, confluiranno anche le segnalazioni ricevute dai Ministeri dell’Interno, della Giustizia, della Transizione ecologica, della Cultura, dell’Economia e delle Finanze, dell’Agenzia delle Entrate, delle Regioni e dei Comuni.

 

 

 

CATASTO OK ALLA RIFORMA

Attenzione: apre in una nuova finestra. Stampa

Il 3 marzo è passata alla Commissione Finanze della Camera la riforma del catasto, così come delineata dall’articolo 6 del Disegno di legge delega per la revisione del sistema fiscale.*
 
I nuovi princìpi e criteri direttivi per la modernizzazione degli strumenti di mappatura degli immobili e la revisione del catasto dei fabbricati sono alla base della riforma.
 
La norma specifica che la nuova mappatura e la revisione non costituirà la base per modifiche alla base imponibile dei tributi.
 
La riforma del catasto è punto obbligatorio per ottenere i fondi del PNRR.

 

*L'articolo 6 reca la delega al Governo per l'adozione di norme finalizzate a modificare il sistema di rilevazione catastale degli immobili, prevedendo nuovi strumenti da porre a disposizione dei comuni e all'Agenzia delle entrate, atti a facilitare l'individuazione e il corretto classamento degli immobili. La norma indica altresì i principi e i criteri direttivi che dovranno essere utilizzati per l'integrazione delle informazioni presenti nel catasto dei fabbricati (da rendere disponibile a decorrere dal 1° gennaio 2026). Tali informazioni non dovranno essere utilizzate per la determinazione della base imponibile dei tributi derivanti dalle risultanze catastali né per finalità fiscali.

 

SUPERBONUS E BONUS EDILIZI MASSIMO TRE CESSIONI

Attenzione: apre in una nuova finestra. Stampa

Le due cessioni successive alla prima soltanto a favore di banche e intermediari finanziari o imprese di assicurazione. I professionisti che rendano informazioni false oppure attestino falsamente la congruità delle spese saranno puniti con la reclusione e con multe.

Lo ha deciso il Consiglio dei Ministri con un decreto correttivo all'art.121 del decreto Sostegni Ter  firmato il 18 febbraio, volto a  superare il limite di un solo passaggio alle cessioni dei crediti ,dato viene sostituito l’inciso “senza facoltà di successiva cessione” con la possibilità di due ulteriori cessioni ma solo se effettuate a favore di banche e intermediari finanziari iscritti all’apposito albo, società appartenenti a un gruppo bancario ovvero imprese di assicurazione autorizzate ad operare in Italia.
Introdotto un altro meccanismo di controllo: i crediti derivanti da sconto in fattura o cessione del credito non potranno formare oggetto di cessioni parziali successivamente alla prima comunicazione dell’opzione all’Agenzia delle Entrate. A tal fine, al credito sarà attribuito un codice identificativo univoco, da indicare nelle comunicazioni delle eventuali successive cessioni.

 

PRONTO IL DECRETO DEL MITE SUL NUOVO PREZZARIO SUPERBONUS 110%

Attenzione: apre in una nuova finestra. Stampa

Il ministro Cingolani ha firmato il decreto, non ancora pubblicato, che fissa i massimali dei lavori per il superbonus 110%, una misura prevista dalla Manovra 2022 per contenere i costi delle ristrutturazioni e salvaguardare i conti pubblici. Il Decreto prevede l’eliminazione dei prezzi “chiavi in mano”. ll decreto dovrebbe contenere circa 40 voci (tra cui: caldaie, infissi,  cappotto termico). Per tutti gli altri costi non previsti, invece, imprese e cittadini dovranno continuare a far riferimento ai prezziari predisposti dalle Regioni, oppure ai listini delle Camere di Commercio competenti o ai prezziari della casa editrice DEI.  Le nuove regole e le tariffe si applicheranno dopo 30 giorni dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale.

 

PNRR e Agenda 2030, le opportunità per i giovani geometri

Attenzione: apre in una nuova finestra. Stampa


Nelle giornate di lavoro di "Orizzonte Giovani" Geofactory, laboratorio di idee under35 delineati gli scenari lavorativi del futuro, tra i quali emerge la riqualificazione dei borghi.

La cronaca dei lavori svolti nell'articolo EdilPortale 16/02/2022

 

AGGIORNAMENTO PROFESSIONISTI ANTINCENDIO

Attenzione: apre in una nuova finestra. Stampa

Scadenza quinquennio di aggiornamento professionisti antincendio

Proroga al 29 giugno 2022. Circolare n.1578 del 10/02/2022 del CNGeGL

 

IN GAZZETTA IL DECRETO SOSTEGNI TER

Attenzione: apre in una nuova finestra. Stampa

Con la pubblicazione in G.U. del decreto legge 27 gennaio 2022 n. 4, il cosiddetto “Sostegni ter”, è confermata la stretta sui bonus fiscali a cui la Rete Professioni Tecniche si era fermamente opposta.

Anziché attuare un’azione di contrasto alle pratiche illecite mediante accertamenti e interventi volti alla semplificazione, ancora una volta nel nostro Paese si assiste alla pubblicazione di leggi che riducono l’efficacia delle leggi. È la dura constatazione della Rete Professioni Tecniche, a seguito della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto legge 27 gennaio n. 4, il cosiddetto “Sostegni ter”. 

In particolare, e in merito all’articolo n. 28 (relativo alle misure di contrasto alle frodi nel settore delle agevolazioni fiscali ed economiche), la Rete Professioni Tecniche aveva suggerito un emendamento. La proposta salvaguardava la cedibilità del credito e, ricorrendo all’efficacia degli strumenti informatici e alle potenzialità delle banche dati dell’Agenzia delle Entrate, ovviava alle frodi attraverso un piano di controlli incrociati. La paradossale conseguenza - fanno notare i professionisti tecnici italiani – è che un decreto definito “Sostegni” finisca invece con l’affossare un’iniziativa governativa, di gran lunga la più efficace, al punto da determinare buona parte della crescita economica registrata nel corso del 2021. 

Con una nota la Rete Professioni Tecniche è costretta a constatare come la lotta alle pratiche illecite non venga condotta tramite semplificazioni e controlli, bensì con la riduzione dell’efficacia delle leggi.

 

 

Logo Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati

Logo Cassa Geometri

Logo CPO Padova

Logo Consulta Regionale Geometri Veneto

Logo Geometri in rete

Logo Fondazione Geometri Italiani